La guerra rende muti? Una riflessione a partire da Simone Weil