Da sempre, i soci di Sub Capri, associazione ambientalista e di volontariato, si sono battuti per la tutela delle acque isolane e da tempo sono promotori della realizzazione di una Area Marina Protetta nell’isola di Capri. Essa rappresenta uno dei posti più esclusivi al mondo, non solo quale rinomata meta turistica e noto polo culturale, ma anche per le particolarità che offre dal punto di vista marino e subacqueo. L’iniziativa di creare una A.M.P. nell’isola ha vissuto un risveglio ed una accelerazione nell’estate 2009, a seguito di rilevanti problematiche legate alla sicurezza della vita in mare e all’allarme inquinamento vissuto nel periodo estivo in tutto il Golfo di Napoli ed anche a Capri. Così, in occasione di una riunione informale tenutasi ad agosto con rappresentanti delle due Amministrazioni isolane ed in stretta collaborazione con altre associazioni ambientaliste, tra le quali Marevivo, l’Associazione Sub Capri ha attestato la ferma volontà di proseguire nel suo datato impegno volto alla realizzazione dell’A.M.P., illustrando i risultati raggiunti e pianificando i passi successivi. In tale occasione, è stata registrata la volontà delle amministrazioni isolane di proseguire coralmente nella realizzazione dei passi successivi. L’Associazione ha così lavorato ad una bozza di progetto istitutivo di una A.M.P., discussa e calibrata nel corso di diversi mesi con molti rappresentanti istituzionali e della società civile isolana (pescatori, diportisti, noleggiatori, imprenditori balneari). Sentendosi assai vicina al territorio ed alle amministrazioni comunali, ha quindi presentato a queste ultime, nel gennaio 2010, una proposta istitutiva, assieme ad una richiesta ufficiale di ripresa l’iter ministeriale sospeso, istanze motivate dal grande interesse nutrito dall’Associazione per la tutela ambientale di Capri e per lo sviluppo generale dell’economia isolana. La proposta, così aggiornata, presentata all’odierno Convegno del Rotary, è frutto di una capillare conoscenza dell’ambiente subacqueo e della biodiversità esistente attorno all’isola di Capri, realizzata a seguito di diverse centinaia di immersioni effettuate in alcuni anni e della osservazione progressiva del territorio terracqueo.

Proposta di un’Area Marina Protetta per l’isola di Capri.

FRONZONI, VASCO
2011

Abstract

Da sempre, i soci di Sub Capri, associazione ambientalista e di volontariato, si sono battuti per la tutela delle acque isolane e da tempo sono promotori della realizzazione di una Area Marina Protetta nell’isola di Capri. Essa rappresenta uno dei posti più esclusivi al mondo, non solo quale rinomata meta turistica e noto polo culturale, ma anche per le particolarità che offre dal punto di vista marino e subacqueo. L’iniziativa di creare una A.M.P. nell’isola ha vissuto un risveglio ed una accelerazione nell’estate 2009, a seguito di rilevanti problematiche legate alla sicurezza della vita in mare e all’allarme inquinamento vissuto nel periodo estivo in tutto il Golfo di Napoli ed anche a Capri. Così, in occasione di una riunione informale tenutasi ad agosto con rappresentanti delle due Amministrazioni isolane ed in stretta collaborazione con altre associazioni ambientaliste, tra le quali Marevivo, l’Associazione Sub Capri ha attestato la ferma volontà di proseguire nel suo datato impegno volto alla realizzazione dell’A.M.P., illustrando i risultati raggiunti e pianificando i passi successivi. In tale occasione, è stata registrata la volontà delle amministrazioni isolane di proseguire coralmente nella realizzazione dei passi successivi. L’Associazione ha così lavorato ad una bozza di progetto istitutivo di una A.M.P., discussa e calibrata nel corso di diversi mesi con molti rappresentanti istituzionali e della società civile isolana (pescatori, diportisti, noleggiatori, imprenditori balneari). Sentendosi assai vicina al territorio ed alle amministrazioni comunali, ha quindi presentato a queste ultime, nel gennaio 2010, una proposta istitutiva, assieme ad una richiesta ufficiale di ripresa l’iter ministeriale sospeso, istanze motivate dal grande interesse nutrito dall’Associazione per la tutela ambientale di Capri e per lo sviluppo generale dell’economia isolana. La proposta, così aggiornata, presentata all’odierno Convegno del Rotary, è frutto di una capillare conoscenza dell’ambiente subacqueo e della biodiversità esistente attorno all’isola di Capri, realizzata a seguito di diverse centinaia di immersioni effettuate in alcuni anni e della osservazione progressiva del territorio terracqueo.
9788890587009
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Testo libro.pdf

non disponibili

Tipologia: Abstract
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.03 MB
Formato Adobe PDF
1.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/138455
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact