« Sarajevo, il crepuscolo, le ombre sopra i tetti ». Sulla (non) poesia di Božidar Stanišic