Una gamba sull'altra, per quanto riguarda Faryàq