Il 13 ottobre del 1815 Gioacchino Murat viene fucilato nel castello di Pizzo in Calabria, dopo un disperato tentativo di riconquistare il trono di Napoli. Su quel trono Gioacchino si era seduto nel momento in cui Napoleone è nel punto più alto della sua parabola e da quel trono egli accompagna il progressivo declino e il tramonto del suo Impero, comprendendo sempre più acutamente quanto l’egemonia imposta da Napoleone all'Europa fosse – anche per chi voleva essergli il più leale sostegno - la ragione profonda della catastrofe che si annunciava. Di quel tramonto, visto e vissuto da Napoli, questo libro offre una ricostruzione, sulla base di un ricchissimo materiale documentario in larga parte inedito. Murat non vi appare – come troppo spesso si è insistito a credere - il traditore dell’uomo che lo aveva fatto re e neppure il coraggioso uomo d’arme privo di ogni capacità politica. A distanza di duecento anni quella fine, tragica e gloriosa al tempo stesso appare, piuttosto, la naturale conclusione della vita di un uomo che come pochi seppe capire e si trovò ad interpretare le contraddizioni del mondo napoleonico e a intuirne – nel suo disegno dell’Italia unita - lo straordinario modello ideale e politico che vi avrebbero scorto le generazioni successive.

Al tramonto di un Impero. Gli ultimi anni di Murat a Napoli

MARINI D'ARMENIA, NICOLETTA
2016

Abstract

Il 13 ottobre del 1815 Gioacchino Murat viene fucilato nel castello di Pizzo in Calabria, dopo un disperato tentativo di riconquistare il trono di Napoli. Su quel trono Gioacchino si era seduto nel momento in cui Napoleone è nel punto più alto della sua parabola e da quel trono egli accompagna il progressivo declino e il tramonto del suo Impero, comprendendo sempre più acutamente quanto l’egemonia imposta da Napoleone all'Europa fosse – anche per chi voleva essergli il più leale sostegno - la ragione profonda della catastrofe che si annunciava. Di quel tramonto, visto e vissuto da Napoli, questo libro offre una ricostruzione, sulla base di un ricchissimo materiale documentario in larga parte inedito. Murat non vi appare – come troppo spesso si è insistito a credere - il traditore dell’uomo che lo aveva fatto re e neppure il coraggioso uomo d’arme privo di ogni capacità politica. A distanza di duecento anni quella fine, tragica e gloriosa al tempo stesso appare, piuttosto, la naturale conclusione della vita di un uomo che come pochi seppe capire e si trovò ad interpretare le contraddizioni del mondo napoleonico e a intuirne – nel suo disegno dell’Italia unita - lo straordinario modello ideale e politico che vi avrebbero scorto le generazioni successive.
978-88-495-3027-8
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Al tramonto di un Impero_NMdA_con copertina.pdf

accesso solo dalla rete interna

Descrizione: Monografia
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 2.41 MB
Formato Adobe PDF
2.41 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11574/171398
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact