La vaghezza nel testo letterario: note al Cappotto di Gogol'