Il meccanismo di selezione delle spose imperiali rappresenta in tutte le dinastie, cinesi e non, uno strumento importante per la definizione delle strategie della dinastia stessa e dei suoi rapporti con le entità politiche circostanti. Il caso dell'imperatore Shunzhi, primo sovrano mancese sul trono della Città proibita di Beijing, rappresenta un esempio emblematico del contrasto tra le diverse forze presenti in seno alla famiglia Aisin Gioro e le dinamiche con gli alleati e antenati mongoli.

Sovrane nella Città Proibita: il divorzio dell’imperatore Shunzhi (1653) e la nuova procedura di selezione delle spose

GUIDA DONATELLA
2017-01-01

Abstract

Il meccanismo di selezione delle spose imperiali rappresenta in tutte le dinastie, cinesi e non, uno strumento importante per la definizione delle strategie della dinastia stessa e dei suoi rapporti con le entità politiche circostanti. Il caso dell'imperatore Shunzhi, primo sovrano mancese sul trono della Città proibita di Beijing, rappresenta un esempio emblematico del contrasto tra le diverse forze presenti in seno alla famiglia Aisin Gioro e le dinamiche con gli alleati e antenati mongoli.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
9788891761750 contributo Guida.pdf

non disponibili

Descrizione: testo articolo pubblicato fornito dall'editore
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.02 MB
Formato Adobe PDF
2.02 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/177814
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact