Il rumour e la violenza collettiva in Train to Pakistan