Conversazioni euro-americane e "colpe" nazionali