L’Uno e le dimensioni della totalità. Un’applicazione della “Morfologia essenziale” e “Semantica minima (MESM)