Le straniere 'organiche' e tessitrici di relazioni: Carlotta Leffler