Su un recente contributo all'agiografia georgiana al femminile