“Una fuga nel tempo e nei linguaggi”. "Ferdinando" di Annibale Ruccello