Il presente articolo intende illustrare, tramite il supporto delle testimonianze degli intellettuali dell’epoca, gli eventi storici che hanno segnato la Romania prima del secondo conflitto mondiale. Il primo dopoguerra non fu affatto un periodo di splendore per la Romania non solo dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista politico. Uno dei motivi principali di questa crisi era costituito dal fatto che la liberal-democrazia, che allora era al potere, non rappresentava per il popolo romeno il tipo di governo in grado di contrastare la dilagante corruzione e l’inefficacia delle autorità politiche. La grave recessione economica, sociale e culturale del paese che ne è scaturita, spinse, dunque, una grande percentuale di popolazione, sostenuta in primo luogo dall’élite intellettuale, a orientarsi sempre più verso i movimenti nazionalisti che miravano alla difesa dell’economia e della cultura locale, attraverso azioni volte ad ostacolare l’operato delle minoranze e, in modo particolare, quello degli ebrei, con tutto ciò che questa discriminazione comporterà negli anni seguenti.

La Romania alla vigilia della seconda guerra mondiale. La svolta nazionalista e xenofoba per la difesa dell’economia e della cultura locale

Irma Carannante
2017

Abstract

Il presente articolo intende illustrare, tramite il supporto delle testimonianze degli intellettuali dell’epoca, gli eventi storici che hanno segnato la Romania prima del secondo conflitto mondiale. Il primo dopoguerra non fu affatto un periodo di splendore per la Romania non solo dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista politico. Uno dei motivi principali di questa crisi era costituito dal fatto che la liberal-democrazia, che allora era al potere, non rappresentava per il popolo romeno il tipo di governo in grado di contrastare la dilagante corruzione e l’inefficacia delle autorità politiche. La grave recessione economica, sociale e culturale del paese che ne è scaturita, spinse, dunque, una grande percentuale di popolazione, sostenuta in primo luogo dall’élite intellettuale, a orientarsi sempre più verso i movimenti nazionalisti che miravano alla difesa dell’economia e della cultura locale, attraverso azioni volte ad ostacolare l’operato delle minoranze e, in modo particolare, quello degli ebrei, con tutto ciò che questa discriminazione comporterà negli anni seguenti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La Romania alla vigilia della seconda guerra mondiale Carannante_Annali.pdf

accesso solo dalla rete interna

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 184.24 kB
Formato Adobe PDF
184.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/188074
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact