"Ein Landarzt" di Kafka: lo spazio, la scrittura, la traduzione