Nell’attuale società, che in passato ha visto l’orrore delle dittature e dei lager nazisti e comunisti, e che oggi sembra subire l’egemonia di un’economia di mercato che si pone contro le sovranità nazionali – nonché contro i diritti sociali e in generale le democrazie come si vede in alcuni paesi –, il drammaturgo romeno Matei Vişniec intravede ancora l’assurdità della condizione umana, proseguendo il percorso di Kafka, Sartre, Camus e altri che avevano scorto nelle realtà del dopoguerra la stessa incoerenza della vita. Per lo scrittore romeno la società del nuovo millennio non è ancora in grado di far fronte alle trappole tese da nuove forme di autoritarismo. Quale corrente poteva dunque meglio descrivere il caos vissuto negli ultimi anni se non quella del Dadaismo, una corrente di negazione e nonsense come annunciato nel Manifesto del 1918 («Dada non significa nulla»)? Nasce così Il Cabaret Dada, una pièce teatrale che, come si legge già nel sottotitolo, è «alla rinfusa e in continua lavorazione», proprio come il susseguirsi imprevedibile degli eventi attuali cui fa allusivamente riferimento l’autore, in un continuo rimando a scene disastrose che evocano la tragedia della prima guerra mondiale.

Matei Vişniec: Il Cabaret Dada annuncia una «catastrofe per reversione totale»

Irma Maria Grazia Carannante
2022

Abstract

Nell’attuale società, che in passato ha visto l’orrore delle dittature e dei lager nazisti e comunisti, e che oggi sembra subire l’egemonia di un’economia di mercato che si pone contro le sovranità nazionali – nonché contro i diritti sociali e in generale le democrazie come si vede in alcuni paesi –, il drammaturgo romeno Matei Vişniec intravede ancora l’assurdità della condizione umana, proseguendo il percorso di Kafka, Sartre, Camus e altri che avevano scorto nelle realtà del dopoguerra la stessa incoerenza della vita. Per lo scrittore romeno la società del nuovo millennio non è ancora in grado di far fronte alle trappole tese da nuove forme di autoritarismo. Quale corrente poteva dunque meglio descrivere il caos vissuto negli ultimi anni se non quella del Dadaismo, una corrente di negazione e nonsense come annunciato nel Manifesto del 1918 («Dada non significa nulla»)? Nasce così Il Cabaret Dada, una pièce teatrale che, come si legge già nel sottotitolo, è «alla rinfusa e in continua lavorazione», proprio come il susseguirsi imprevedibile degli eventi attuali cui fa allusivamente riferimento l’autore, in un continuo rimando a scene disastrose che evocano la tragedia della prima guerra mondiale.
978-88-32062-24-3
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Postfazione Cabaret Dada Visniec.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 221.46 kB
Formato Adobe PDF
221.46 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11574/207337
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact