Else Lundgren: la traduzione come dialogo