Movimento generale della materia, 'cartesianesimo rigido' e tolleranza. Su alcune tentazioni eterodosse in Montesquieu