Il feticcio del 'reale' nel documentarismo degli anni '30