Sulla questione della 'scientificità' nei studi culturali