Tra perdono, tecnologia e futuro: l'interculturalità contemporanea. Risposta a Beatrice Ferrara