L’attore come pittore della realtà-Sandro Lombardi