"Studija impressionistov" tra impressionismo, intuitivismo e futurismo, ovvero il “Cavaliere azzurro” russo