Lo storico e il tempo. Braudel tra Lévi-Strauss e Durkheim