“An Anum” e la tradizione lessicografica mesopotamica