Eraclito e Parmenide: contemporaneità, consapevolezza e/o (in)dipendenza?