L’omonimia lessicale tra ambiguità ed equivoco