Giappone, dopo l’11 marzo una nuova geopolitica?