Un capitolo della storia ungherese nella drammaturgia di Piero Veròli