Frammento di una Adorazione dei Magi di Andrea da Salerno, «simpatico maestro del primo Cinquecento italiano»