In questo libro è descritto e spiegato uno dei fenomeni più inquietanti che ha attraversato l'opera di Eugene Ionesco: Rhinocéros. Si tratta di un fantasma individuale di portata collettiva, quasi di massa. E' il fantasma del totalitarismo politico e ideologico trasformatosi progressivamente in mito, storia, racconto, opera teatrale che Ionesco ha portato con sé nelle sue conferenze in tutto il mondo. Con il passare del tempo questo Rinoceronte è diventato sempre più presente andando ad interferire con i sogni e la vita affettiva del drammaturgo. Restituire lo sfondo interrogante di tale evento, partendo dall'opera giovanile romena dello scrittore, significa forse restituire all'Eugène Ionesco che tutti conosciamo un inizio di risposta.

Odontotyrannos. Ionesco e il fantasma del Rinoceronte

ROTIROTI, Giovanni Raimondo
2009

Abstract

In questo libro è descritto e spiegato uno dei fenomeni più inquietanti che ha attraversato l'opera di Eugene Ionesco: Rhinocéros. Si tratta di un fantasma individuale di portata collettiva, quasi di massa. E' il fantasma del totalitarismo politico e ideologico trasformatosi progressivamente in mito, storia, racconto, opera teatrale che Ionesco ha portato con sé nelle sue conferenze in tutto il mondo. Con il passare del tempo questo Rinoceronte è diventato sempre più presente andando ad interferire con i sogni e la vita affettiva del drammaturgo. Restituire lo sfondo interrogante di tale evento, partendo dall'opera giovanile romena dello scrittore, significa forse restituire all'Eugène Ionesco che tutti conosciamo un inizio di risposta.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
int_Odontotyrannos.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 787.31 kB
Formato Adobe PDF
787.31 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11574/31944
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact