Labirinti e costellazioni. Un percorso ai margini di Hegel