L'isomoiria: realtà o mito?