Doppio, triplo, plurimo: figurazioni miste e anomale nello spazio indomediterraneo