La "follia" dello spirito soggettivo e la "normalità" dello spirito oggettivo