La colonia come spazio di esclusione