Poeti ventriloqui e narcisisti: divagazioni sul sublime