"Il paradosso della mobilità: braccia in arrivo, cervelli in fuga"