Il frammento come limite e come soglia del sentire. Appunti su F. Schlegel, Hoelderlin e Novalis