Aristotele e un caso di apofonia