Lucidità e vergogna: intorno alle lettere giovanili di Cioran