La “noia moldava” prima di Sartre: il romanzo dell’Io di Max Blecher