La linguistica della parole. Coincidenza o divergenza fra A. Sechehaye e F. de Saussure?