Ancora sul 'prologo' del De deo Socratis di Apuleio