Il ‘libro’ nello specchio della ‘estoria’. La digressione troiana nell’Alexandre