Un’ipotesi sul vocalismo corso