Piacere vero e bellezza non imitativa nel 'Filebo' di Platone