La seconda Iliade. A proposito dell’interpretazione di una poesia del tardo Celan