Sei diversioni nel Chisciotte analizza il capolavoro di Cervantes partendo dai più importanti studi di semiotica e filosofia del xx secolo. Esso si articola in una serie di letture critiche che ne enucleano alcuni temi: la crisi dell’antropocentrismo e l’avvento della scienza nuova, l’emancipazione epistemologica del personaggio di Sancio, l’esaurirsi dei codici letterari della cavalleria errante e dell’amor cortese, la diffrazione dell’archetipo femminile e il personaggio di Dulcinea, la semiotica dei maghi incantatori e le complesse implicazioni metaletterarie di alcuni episodi dell’opera cervantina. Se è pur vero che a quattro secoli dalla sua nascita letteraria, il personaggio di don Chisciotte si è convertito in un mito, nella figura di un eroe tanto malleabile ed essenzialmente indipendente dal suo autore, quanto costantemente fedele a se stesso, nonché ritratto eterno della crisi dell’uomo post-rinascimentale nel suo rapporto con l’esperienza, tuttavia, la forza iconografica ed evocativa del cavaliere errante nasce altrove. Essa trae origine dalle parole demiurgiche del testo di Cervantes. Sono le parole dell’incipit, quelle con cui don Chisciotte – come in una tragica parodia della Genesi – dà nome a se stesso, al proprio cavallo e alla propria dama, per darsi e dar loro esistenza letteraria. Ma le parole non sono solo emblemi primigenii; possono anche essere trasformate in strumenti del moderno rispecchiamento del mondo fenomenico, nel vano tentativo di purificarle dall’incantesimo che le contamina. Il modesto compito dell’uomo sull’eterna soglia, dunque dell’uomo donchisciottesco, consiste però – ammonisce Cervantes – nel conservare il profumo di ciò che è destinato comunque a perdere.

Sei diversioni nel Chisciotte

GORLA, Paola Laura
2014

Abstract

Sei diversioni nel Chisciotte analizza il capolavoro di Cervantes partendo dai più importanti studi di semiotica e filosofia del xx secolo. Esso si articola in una serie di letture critiche che ne enucleano alcuni temi: la crisi dell’antropocentrismo e l’avvento della scienza nuova, l’emancipazione epistemologica del personaggio di Sancio, l’esaurirsi dei codici letterari della cavalleria errante e dell’amor cortese, la diffrazione dell’archetipo femminile e il personaggio di Dulcinea, la semiotica dei maghi incantatori e le complesse implicazioni metaletterarie di alcuni episodi dell’opera cervantina. Se è pur vero che a quattro secoli dalla sua nascita letteraria, il personaggio di don Chisciotte si è convertito in un mito, nella figura di un eroe tanto malleabile ed essenzialmente indipendente dal suo autore, quanto costantemente fedele a se stesso, nonché ritratto eterno della crisi dell’uomo post-rinascimentale nel suo rapporto con l’esperienza, tuttavia, la forza iconografica ed evocativa del cavaliere errante nasce altrove. Essa trae origine dalle parole demiurgiche del testo di Cervantes. Sono le parole dell’incipit, quelle con cui don Chisciotte – come in una tragica parodia della Genesi – dà nome a se stesso, al proprio cavallo e alla propria dama, per darsi e dar loro esistenza letteraria. Ma le parole non sono solo emblemi primigenii; possono anche essere trasformate in strumenti del moderno rispecchiamento del mondo fenomenico, nel vano tentativo di purificarle dall’incantesimo che le contamina. Il modesto compito dell’uomo sull’eterna soglia, dunque dell’uomo donchisciottesco, consiste però – ammonisce Cervantes – nel conservare il profumo di ciò che è destinato comunque a perdere.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PLGorla, 2014 Sei diversioni nel Chisciotte.pdf

non disponibili

Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
321.53 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11574/34909
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact