Il “piccolo ciclo” di Guglielmo nel ‘Roman’ in prosa